Rimani sempre aggiornato! Seguimi sui social!👍

Il bruciore di stomaco, chiamato anche pirosi gastrica, è una problematica dalle molteplici cause e con la quale, almeno una volta nella vita, abbiamo a che fare. La sensazione è caratterizzata principalmente da bruciore alla base dello sterno, in prossimità del processo xifoideo. A volte però può estendersi al tratto digerente superiore ovvero esofago e faringe. In questo caso il sintomo più comune è bruciore, dolore alla bocca dello stomaco.

Bruciore di stomaco

Ma perché si ha questa sensazione all’esofago e/o alla faringe? Spesso questo è dovuto alla presenza dei succhi gastrici proprio in esofago. La pseudo valvola che divide l’esofago e lo stomaco, a volte non riesce a contenere i succhi gastrici ed ecco che si ha il passaggio di tale materiale in esofago e così la sintomatologia di bruciore in esofago/faringe.

Possibili cause del bruciore di stomaco

C’è un motivo perché il bruciore di stomaco è così comune, esistono diverse cause e diverse patologie che possono presentare tale sintomatologia. Mettendo da parte la causa di reflusso gastroesofageo, esistono anche delle patologie che possono presentare come sintomo la pirosi gastrica:

  • Ulcere (gastrica o peptidica);
  • Ernia iatale;
  • Infiammazione della mucosa esofagea (esofagite);
  • Infiammazione della mucosa gastrica (gastrite);
  • Tumore allo stomaco;
  • Infarto miocardico;
  • Angina pectoris.

Osteopatia e pirosi gastrica

L’osteopatia risulta essere molto indicata nella risoluzione di alcune delle cause di pirosi gastrica. Lo scopo dell’osteopata sarà quello di valutare caso per caso e, in base alla storia clinica, agli esami diagnostici effettuati, decidere se il trattamento possa giovare al paziente o no.

Tolte le cause da danno strutturale, vedi tumore gastrico, ulcere, infarto miocardico, etc, il bruciore gastrico può derivare anche da differenti disfunzioni:

  • Viscerali: Spesso una eccessiva presenza di aria nello stomaco, definita bolla d’aria, può generare la sintomatologia. Spesso l’eccessiva quantità di aria, sul fondo dello stomaco, si ripercuote sia sul diaframma che sul cuore andando a generare quei disturbi simil cardiaci che non hanno a che fare con l’alterato funzionamento cardiaco ma possono portare sintomi come dolore retrosternale (al petto), fastidio alla bocca dello stomaco, nausea, etc…
  • Neurovegetativi: lo stomaco è innnervato sia dal sistema parasimpatico che ortosimpatico. Spesso il mancato equilibrio di tali sistemi, crea un’alterazione della corretta funzione gastrica;
  • Meccaniche: un trauma, alterazioni della normale meccanica diaframmatica, della corretta gestione delle pressioni addominali e toraciche, può portare all’insorgenza della sintomatologia.

Possibili rimedi

E’ possibile utilizzare differenti rimedi che possiamo suddividere in farmacologici e non farmacologici.

I rimedi farmacologici vedono impiegati farmaci che vanno ad agire sul tamponamento dell’acidità gastrica o sulla produzione stessa dei succhi gastrici, attenzione questa tipologia di soluzione è possibile accedervi solo accurata visita del medico curante o specialista.

I rimedi non farmacologici vanno ad agire sul tamponamento dell’acidità gastrica tramite l’uso di bicarbonato di sodio o di latte. Bisogna tenere conto che questa soluzione è temporanea, a mio avviso è necessario indagare la causa del problema e risolverlo e l’osteopatia può essere una soluzione.

Bruciore di stomaco? Nessuna paura!

Scrivimi ed esponimi il tuo problema!

Il contatto è gratuito e senza impegno. Possiamo valutare insieme le possibili soluzioni e se l’osteopatia può essere la soluzione al tuo problema! 

👇Compila il modulo sottostante!👇

Cosa lamenta?

Consenso trattamento dati personali

Ricezione aggiornamenti

2 + 4 =

Chiama il:

Apertura studio

Lunedì-Sabato

9am-19pm.

Email:

info@osteopatiaterranova.it

Via G. Mattio Franco 10, 14015 San Damiano d’Asti a 15 km da Asti.

Pin It on Pinterest